single-image

BigMat International Architecture Award ’19. Al via la quarta edizione

Dal 14 gennaio sono aperte le iscrizioni al Premio biennale di architettura, promosso dal Gruppo BigMat

Torna l’appuntamento biennale di BigMat con l’architettura, per la quarta edizione del BigMat International Architecture Award che eleggerà le migliori opere architettoniche realizzate in Italia, Belgio, Francia, Portogallo, Repubblica Ceca, Slovacchia e Spagna (i 7 Paesi dove è presente il marchio BigMat).
Sono stati oltre 2.450 i progetti che, dal 2013 a oggi, si sono contesi la vittoria delle tre edizioni del Premio e oltre 850 i progetti candidati nel 2017, tutti di altissima qualità, tanto che tra i partecipanti erano presenti anche dei Premi Pritzker.

Il BigMat International Architecture Award ’19 promuove da sempre l’eccellenza dell’architettura contemporanea e rappresenta l’impegno del Gruppo BigMat per lo sviluppo e il miglioramento della società e dell’ambiente attraverso l’architettura e l’edilizia. Il Premio è il segno della costante attenzione e vicinanza del Gruppo BigMat al mondo dell’architettura a conferma del ruolo di interlocutore diretto con le figure della progettazione.

Efficienza energetica, edilizia sostenibile, comfort e abitabilità saranno i parametri di valutazione delle opere che concorreranno al Gran Premio Internazionale e, come per gli appuntamenti precedenti, potranno partecipare al concorso solo gli architetti il cui domicilio professionale si trova in uno dei 7 Paesi BigMat presentando progetti realizzati fra il primo gennaio 2015 e il primo gennaio 2019.

La cerimonia di premiazione si terrà il 22 novembre 2019 nella cornice del Palais de la Bourse di Bordeaux in Francia, in concomitanza con l’annuale Congresso internazionale del Gruppo BigMat.

Tutte le informazioni sulla quarta edizione del BigMat International Architecture Award ’19 sono disponibili su www.architectureaward.bigmat.com. Le candidature possono essere inoltrate dal 14 gennaio al 26 aprile 2019 seguendo la procedura indicata sul sito web.

© Philippe Ruault

You may like