single-image

53 comuni virtuosi piemontesi nominati borghi alpini


Oggi Uncem Piemonte – Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani – ha consegnato a 53 enti montani piemontesi la bandiera di Borghi Alpini, un marchio per i Comuni che hanno appunto recuperato i loro borghi alpini e che sancisce l’impegno nella rivitalizzazione di porzioni di territorio abbandonate, frazioni abbandonate, grazie a fondi privati e pubblici. Uncem desidera garantire la massima visibilità per gli interventi finora realizzati, per le Amministrazioni che stanno approntando i piani di recupero e studi sul reinsediamento, per le borgate che potrebbero essere beneficiarie di risorse, per i Comuni che possono aprirsi a partenariati privati con imprese e investitori. “Per questi motivi abbiamo creato il marchio “Borghi alpini” – spiega Lido Riba, presidente Uncem Piemonte – capace di garantire visibilità e identità per i Comuni che credono nella riqualificazione del patrimonio edilizio come vettore di sviluppo socio-economico delle Terre Alte”. Uncem ha ricevuto l’importante supporto di Fondazione Crc e Fondazione Crt nel progetto di promozione e marketing in corso.

“Oggi la montagna è al centro di importanti investimenti – prosegue Riba – e dobbiamo saper cogliere con anticipo le richieste del mercato. La consegna del marchio e della bandiera dei Borghi alpini permette di aprire percorsi di studio che anticipano investimenti e recuperi, secondo i moderni criteri della bioarchitettura applicata alle ristrutturazioni di baite dismesse o abbandonate”.

You may like