single-image

Cité du Vin. A Bordeaux un avveniristico museo del vino


È stata inaugurata lo scorso giugno dal Presidente Hollande a Bordeaux la Cité du Vin: una struttura di 13mila mq distribuita su 10 piani per un’altezza di 55 metri dedicata alla cultura enologica e progettata da XTU Architects.

Anouk Legendre e Nicolas Desmazières, gli architetti di XTU, hanno dichiarato che “l’edificio non assomiglia a nessuna altra forma riconoscibile perché è un’evocazione dell’anima del vino tra il fiume e la città” anche se le forme sinuose parrebbero ricordare la silhouette di un decanter. È uno spazio plasmato dai simboli dell’identità locale: una vite nodosa, il vino che ruota nel bicchiere, i vortici sul fiume Garonna. Ogni dettaglio dell’architettura evoca l’anima del vino e la natura liquida: una “rotondità senza soluzione di continuità, intangibile e sensuale”.

La rotondità degli esterni si ritrova anche negli spazi interni, nei materiali e nelle scale. La Cité du Vin abbaglia con riflessi d’oro che ricordano la pietra chiara tipica degli edifici di Bordeaux. La facciata è costituita da pannelli di vetro serigrafato e pannelli iridescenti in alluminio laccato perforato. L’edificio muta dunque il suo aspetto in funzione dell’ora e della posizione del sole e dialoga con il fiume attraverso i suoi riflessi.

La costruzione di due ingressi su entrambi i lati creano l’impressione di movimento, flusso e riflusso tra interno ed esterno. Un ingresso si affaccia sulla città e l’altra si affaccia sul fiume. Più in alto, la torre panoramica permette ai visitatori di scoprire la città illuminata e l’area circostante, quasi come una torre di guardia.

Agli occhi di XTU, il tour stesso dell’edificio segue questi flussi: quello del vino, del fiume, il flusso di visitatori. Si passa attraverso l’edificio come un fiume, con i visitatori che diventano Voyagers che scorrono attorno alla scala centrale, perpetuando questa impressione di movimento.

Ciò significa che i visitatori sono in continuo movimento e sperimentano un circolo virtuoso di scoperta. Ogni persona scopre un nuovo mondo in un fluido movimento di rotazione che porta ad una meta insolita e senza limiti, come un viaggio attraverso i meandri di un paesaggio culturale che alimenta l’immaginazione.

La Cité du Vin. © XTU ANAKA
La Cité du Vin. © XTU ANAKA
Cite des Civilisations du vin, Bordeaux. XTU architects. ©Patrick Tourneboeuf/Tendance Floue Mars 2016
Cite des Civilisations du vin, Bordeaux.
XTU architects.
©Patrick Tourneboeuf/Tendance Floue
Mars 2016
Cite des Civilisations du vin, Bordeaux. XTU architects. ©Patrick Tourneboeuf/Tendance Floue Mars 2016
Cite des Civilisations du vin, Bordeaux.
XTU architects.
©Patrick Tourneboeuf/Tendance Floue
Mars 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

You may like