single-image

Dai rifiuti alla pista da sci

Non poteva che sorgere in una delle città che ha inventato il teleriscaldamento e che lo utilizza da più di un secolo, il più grande impianto di trattamento dei rifiuti del Nord Europa e certamente il più visionario. Un impianto che costerà 470 milioni di euro e che sarà in grado di fornire calore ed energia elettrica all’intera area urbana di Copenhagen, in Danimarca. Pensato per sostituire il vecchio impianto di Amagerforbrænding, e situato nella zona industriale vicina al centro della capitale, il nuovo impianto di termovalorizzazione è stato ideato dallo studio d’architettura danese BIG (Bjarke Ingels Group). Il progetto prevede di diventare un modello unico e originalissimo nel mondo della gestione dei rifiuti e della produzione di energia, immaginandolo come un punto di riferimento architettonico nel paesaggio urbano di Copenhagen. Unico e visionario perché la struttura ospiterà sul tetto una pista da sci da 31mila metri quadrati di diversi livelli di abilità, a disposizione dei cittadini di Copenhagen, dei comuni limitrofi e dei visitatori. Una nuova generazione di termovalorizzatori che ridefinisce il ruolo che hanno e avranno queste strutture all’interno del tessuto cittadino e che lancia la Danimarca verso una gestione sostenibile dell’energia e dei rifiuti.
(Foto: © ARC)

You may like