single-image

#EarthHour. Domani un’ora al buio per il bene del pianeta


Torna domani, sabato 29 marzo, l’evento mondiale Earth Hour – Ora della Terra con cui il WWF fa sentire la propria voce insieme a milioni di cittadini del pianeta per agire in fretta contro il cambiamento climatico e garantire un futuro sostenibile alle generazioni future. Il movimento globale del WWF, giunto alla sua ottava edizione, spegnerà “simbolicamente” per un’ora le luci di monumenti, piazze ma anche abitazioni e aziende in ogni angolo del pianeta, unendo  tanti piccoli gesti e comunità in una grande forza planetaria.

Dall’Amazzonia all’Artico, dall’Africa alle isole del Pacifico lo spegnimento simbolico inizierà la mattina di sabato nelle isole Samoa alle 20.30 ora locale – circa le 8.30 del mattino in Italia – e farà il giro della terra attraversando anche alcune principali città italiane tra cui Firenze, Torino, Venezia e si chiuderà a Tahiti.

Lo scorso anno hanno partecipato oltre 2 miliardi di persone in 7mila città e 154 Paesi del mondo: domani  l’evento assumerà ancora più importanza visti i drammatici dati  su cui stanno discutendo proprio in questi giorni gli scienziati dell’IPCC (Intergovernamental Panel on Climate Change) riuniti in Giappone. Gli effetti del clima sconvolto dalle emissioni di gas serra provocate in larga misura dalle attività umane hanno già visto ridursi i raccolti di grano e riso del 2% ogni 10 anni, il crollo della pesca negli oceani, l’aumento di rifugiati ambientali e le previsioni fornite dalla comunità scientifica sono ancora più drammatiche.

“Con Earth Hour – ha dichiarato Mariagrazia Midulla, responsabile Energia&Clima del WWF Italia – la nostra voce e quella di tutti coloro che si uniranno al grande movimento globale verrà lanciata ai governi di tutto il mondo affinché agiscano subito con tutte le soluzioni possibili e disponibili già da ora per tagliare da subito le emissioni, a partire dall’adozione su vasta scala delle fonti di energia rinnovabili e dell’efficienza energetica”.

Tutti possono aderire, raggiungendo i volontari WWF nelle piazze dove si spengono i monumenti o spegnendo “simbolicamente” per un’ora la luce a casa, in ufficio, nei musei e segnalando la propria partecipazione sul sito dell’evento.

You may like