single-image

Elisa Ossino firma lo spazio Amini

Una scatola monocromatica vibrante, una sorta di galleria d’arte dove i tappeti sono esposti come quadri.

Luce e materia: sulla relazione tra questi due elementi Elisa Ossino ha basato il progetto per lo showroom Amini di via Borgogna a Milano, creando una scatola monocromatica vibrante, una sorta di galleria d’arte dove i tappeti sono esposti come quadri di grandi maestri. Gli ambienti diventano così superfici continue disegnate con l’intenzione di annullare porte e armadiature, celate dietro tagli sui muri a tutta altezza e mimetizzate con le pareti. Muri, soffitti e porte sono interamente rivestiti in calce, con la sola variazione sottilmente contrastante di una parete trattata con intonachino granuloso.

Greenbuilding magazine, Showroom Amini. Ph. courtesy AMINI Carpets Styling Elisa Ossino

Le tre colonne centrali, di forma ovale e scultorea, danno una forte identità allo spazio, caratterizzato anche dalla lunga cassettiera in legno massello interamente rivestita in pietra bocciardata, che crea visivamente una linea continua con il tavolo, realizzato in pietra scavata, quasi fosse un monolite, e definito nella sua presenza volumetrica anche da un piano a spessore molto marcato. Le incisioni in ferro nero cerato praticate nelle porte tracciano linee verticali che sono state riprese nel dettaglio del parapetto, realizzato in vetro, in modo da annullare ogni barriera visiva e consentire una visione fortemente prospettica dell’intero spazio dall’ingresso e una sua lettura dall’alto.

Aperto al pubblico e agli addetti del settore, lo showroom di via Borgogna è un punto cardine dell’attività aziendale e creativa del marchio. Un luogo capace di sintetizzare ed esprimere ogni aspetto dell’anima Amini: custode della più autentica sapienza nella realizzazione di tappeti a mano, con l’obiettivo costante di creare qualità, innovazione e fascinazione.

Greenbuilding magazine, Showroom Amini. Ph. courtesy AMINI Carpets Styling Elisa Ossino

Tappeti tibetani o monocolore, vintage od orientali tradizionali, nepalesi in lana e seta, tutti realizzati a mano, con le tecniche più tradizionali e al tempo stesso più evolute. Al centro del progetto c’è il desiderio di offrire una selezione di prodotti di eccellenza, in sintonia con la dimensione contemporanea del design d’interni.
Tra le novità di prodotto Amini presentate per la settimana del design 2018, le linee Intuito, Trasparenze e Kami Kami. Riflessioni approfondite sui pattern e sull’utilizzo del dégradé per la prima; grafismi, sovrapposizione cromatica, ancora dégradé come elementi di connotazione estetica e spaziale per la seconda; altezze diverse del vello per creare intarsi e disegni capaci di colpire l’occhio e il tatto per la terza.

Greenbuilding magazine, Showroom Amini. Ph. courtesy AMINI Carpets Styling Elisa Ossino

Ph. courtesy AMINI Carpets

Showroom Amini, Milano (MI)

Studio di progettazione: Elisa Ossino Studio, Milano (MI). Eco-superfici Kerakoll della Piero Lissoni Warm Collection: lo spazio veste un pavimento in Cementoresina nella tonalità WR01 che esalta la bellezza essenziale delle superfici, rese preziose dalla qualità dei materiali.

You may like