single-image

I fotogiornalisti di Parallelozero in mostra a Milano tra storie di uomini e di acqua


Resterà aperta al pubblico fino al 10 settembre la mostra fotografica The liquid stage – Storie di uomini e acqua al Parallelozero Café, il primo locale di Milano dedicato al fotogiornalismo, nato dall’agenzia fotogiornalistica Parallelozero fondata nel 2007 da Alessandro Gandolfi, Sergio Ramazzotti, Davide Scagliola e Bruno Zanzottera.

I quattro fotografi di reportage di Parallelozero credono nella necessità di viaggiare per trovare sempre nuove storie. In un mondo interconnesso del quale si pensa di sapere tutto, Parallelozero continua a cercare spunti che possano raccontare la società, che possano commuovere o sorprendere, smentendo luoghi comuni e smantellando stereotipi. Con una certezza: fino a quando esisteranno esseri umani, varrà la pena raccontare le loro storie.

In questa mostra il rapporto fra l’essere umano e l’acqua è indissolubile: ne nascono storie delicate, poetiche e drammatiche, che in certi casi hanno in sé la grandezza di un’epica. L’acqua, dolce o salata, corrente o stagnante, pura o avvelenata, contenuta in una piscina, un’acquasantiera o nel letto di un fiume, l’acqua che sostiene la chiglia di un peschereccio e quella divenuta strato di ghiaccio durante un lungo inverno boreale, è la ferriera dove bambini lavorano per smantellare vecchie navi e il bacile nel quale ci si bagna per perpetuare un rituale vecchio di due millenni. È, come nella Libia della rivoluzione, un campo di battaglia e una via di salvezza; è l’orizzonte sul quale i giovani di Gaza cercano un surrogato di libertà; è una palestra, un parco giochi, è un mare che fu nostrum ma oggi è un muro, per valicare il quale migliaia di giovani sono disposti ad affrontare la morte in un’impossibile traversata verso nord.

L’acqua diventa allora un palcoscenico liquido, sul quale vanno in scena, in infinite repliche sempre uguali e sempre diverse, la commedia e il dramma dell’umanità.

Il concept del nuovo Parallelozero Café è quello di unire la cultura visiva a quella  enogastronomica. Gli appassionati di fotografia potranno sorseggiare un cocktail mentre sfogliano libri e riviste specializzate, visitano le esposizioni o incontrano gli autori, rimanendo poi ai tavoli per assaporare la cucina del MIX Lounge Restaurant, che si affaccia con grandi vetrate sul verde di Largo Cairoli e sull’Expo Gate, il primo padiglione dell’Esposizione Universale che accoglierà i visitatori nel 2015. Una location unica nella quale va in scena una cucina originale, ispirata alle ricette delle regioni italiane, rielaborate con gusto ed estro creativo. Il suo nome, MIX, è un invito ad apprezzare l’eccellenza di sapori e profumi provenienti dalla Lombardia ma anche dalla Campania, dal Veneto, dalla Liguria. Il menu cambia ogni mese, a seconda degli ingredienti di stagione, ma è sempre un perfetto racconto della cucina e dei vini italiani. Aperto a pranzo, per colazioni veloci a prezzi contenuti, e alla sera per cene in un’atmosfera rilassante e raffinata.

(Foto in apertura: Lago Bajkal, Russia. © Luigi Baldelli)

Amritsar, India. © Sergio Ramazzotti
Amritsar, India. © Sergio Ramazzotti
New York, Stati Uniti. © Simone Cerio
New York, Stati Uniti. © Simone Cerio
Punta Arenas, Cile. © Sergio Ramazzotti
Punta Arenas, Cile. © Sergio Ramazzotti

 

 

 

You may like