single-image

Giornata Mondiale degli Oceani

In occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, LifeGate lancia la propria sfida per ridurre la presenza di plastiche e microplastiche nei mari italiani, grazie ad una tecnologia in grado di catturare oltre mezza tonnellata di rifiuti l’anno.

Si celebra oggi, 8 giugno, la Giornata mondiale degli Oceani che quest’anno punta il dito contro la plastica. Una giornata istituita per sensibilizzare sull’importanza della tutela dei nostri mari. la prima nazione a proporre una giornata dedicata agli oceani è stato il Canada nel 1992, al Summit della Terra di Rio de Janeiro, seguita negli anni da diverse organizzazioni, in tutto il mondo. Poi, nel dicembre del 2008, l’Onu ha istituito ufficialmente la Giornata mondiale degli Oceani e fissato la data.

LifeGate PlasticLess è un’iniziativa concreta per la salvaguardia dei mari italiani, nei quali convogliano quasi 90 tonnellate di plastica ogni giorno. Sempre più diffuse e pericolose sono le cosiddette microplastiche inferiori ai 5 millimetri che, attaccandosi alle alghe, scambiate per cibo, vengono ingerite dai pesci, entrando in questo modo nella catena alimentare che arriva fino ai nostri piatti.

Grazie al contributo di Volvo Car Italia, main partner dell’iniziativa, e in collaborazione con Seabin Project e Poralu, in occasione della Giornata Mondiale degli Oceani, LifeGate predisporrà nei porti italiani l’innovativo dispositivo Seabin V5, in grado di catturare dalla superficie dell’acqua circa 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, ovvero oltre mezza tonnellata di rifiuti all’anno, comprese le microplastiche fino a 2 millimetri di diametro e le microfibre fino a 0,3 mm. Dispositivo di raccolta dei rifiuti galleggianti, ideato da due australiani, già utilizzato in diversi porti negli Stati Uniti e in Europa, il “cestino del mare” può funzionare 24 ore al giorno ed è straordinariamente efficace in aree come i porti, all’interno dei quali convergono i rifiuti in mare grazie all’azione dei venti e delle correnti.

Il progetto LifeGate PlasticLess è stato attivato nelle aree portuali di Santa Margherita Ligure (GE), nell’Area Marina Protetta di Portofino (GE), nel Porto delle Grazie a Roccella Ionica (RC) e nel Venezia Certosa Marina (VE) e da settembre, grazie al sostegno di Volvo Car Italia, arriveranno tre nuovi Seabin a Marina di Cattolica (RN), Marina di Varazze (SV) e un secondo dispositivo per il Venezia Certosa Marina (VE).

Il progetto prevede anche una campagna di sensibilizzazione su lifegate.it con consigli pratici e soluzioni concrete offerte alle persone e alle aziende. Sui social la campagna dedicata con #PlasticLess.

L’interesse a livello globale si sta indirizzando sempre di più verso il tema dell’inquinamento da plastica negli oceani, così dannoso e pericoloso per l’intero ecosistema – spiega Enea Roveda, CEO di LifeGate – attraverso la nostra iniziativa vogliamo promuovere l’economia circolare con una campagna di sensibilizzazione e fornendo gli strumenti necessari alle realtà che intendono condividere con noi un obiettivo così importante, come quello della riduzione della plastica nei nostri mari”.

LifeGate è considerata il punto di riferimento della sostenibilità in Italia e conta su una community di 6 milioni di persone. Ogni giorno LifeGate lavora con passione e determinazione per mettere a disposizione informazioni, progetti e servizi coinvolgendo una rete sempre più ampia di persone, imprese, ong, istituzioni che vogliono impegnarsi attivamente al cambiamento per un futuro sostenibile.

You may like