single-image

Giovanna Melandri, monsignor Giuseppe Russo, Giorgio Santilli “Architetti onorari” 2013


Giovanna Melandri, Presidente della Fondazione MAXXI, monsignor Giuseppe Russo, responsabile del Servizio Nazionale per l’Edilizia di Culto della CEI e Giorgio Santilli, caporedettatore de Il Sole 24 Ore sono gli Architetti onorari 2013, un titolo istituito dal Consiglio Nazionale in occasione della Festa dell’Architetto, attribuito a quegli esponenti della società civile che si sono distinti a favore della promozione della cultura e della qualità dell’architettura.

Alla presidente della Fondazione Maxxi viene, infatti, riconosciuto il merito di “avere sempre sostenuto i valori dell’architettura e le necessità che l’Italia torni a porli al centro delle sue politiche nazionali”; a monsignor Russo di “aver compreso il significato del Concorso di Architettura prioritariamente legato al concetto di qualità architettonica mediante l’attivazione di procedure concorsuali secondo i più avanzati canoni della recente tradizione europea”; a Giorgio Santilli “per il suo contributo critico al dibattito sulle regole del mercato e la sua opera di diffusione del lavoro dei giovani talenti dell’architettura italiana, importanti soprattutto nell’educare la committenza alla necessità culturale, sociale ed economica dell’architettura di qualità”.

La cerimonia di premiazione si terrà domani venerdì 14 febbraio, alle ore 17 al Maxxi, il Museo nazionale delle arti del XXI secolo. In quella stessa occasione saranno consegnati i Premi Architetto Italiano 2013 e Giovane talento dell’architettura 2013, anch’essi banditi dal Consiglio Nazionale, di concerto con il Maxxi, in occasione della Festa dell’Architetto, istituita nel novantesimo anniversario della fondazione dell’Ordine per celebrare e valorizzare, con un evento che avrà cadenza annuale, l’architettura e la qualità del progetto nella loro più elevata dimensione civile e culturale.

Ad essere premiati, lo studio Piuarch, composto da Francesco Fresa, Germán Fuenmayor, Gino Garbellini e Monica Tricario, ritenuto esempio emblematico di come si possa perseguire una grande qualità architettonica e urbana e Fabrizio Barozzi, che opera a Barcellona in associazione con il catalano Alberto Veiga quale “Giovane talento dell’architettura 2013” per il progetto della Filarmonica di Stettino.

Per la sezione “Architetto italiano 2013”, il Premio Speciale della Giuria – presieduta per ambedue i Premi dall’architetto Cino Zucchi, curatore del Padiglione Italia della 14° Mostra Internazionale di Architettura di Venezia – è stato assegnato allo studio MoDus Architects di Bressanone, composto da Sandy Attia e Matteo Scagnol.
A conclusione della giornata, alle ore 18.30 il Convegno “Il presente e il futuro dell’architettura italiana” al quale è previsto l’intervento del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Massimo Bray.

You may like