single-image

I risultati di Kerakoll grazie a Impatto Zero


GreenBuilding magazine quest’anno ha contribuito alla tutela di oltre 23mila metri quadrati di foresta in Costa Rica.

È dal 2012 che Kerakoll aderisce a Impatto Zero®, il progetto di LifeGate che calcola, riduce e compensa le emissioni di CO2 generate da attività, prodotti, servizi ed eventi contribuendo alla creazione e alla tutela di foreste in crescita in Italia e nel mondo. In due anni l’azienda ha reso a Impatto Zero® 160mila copie del GreenBuilding magazine contribuendo alla tutela quest’anno di oltre 23mila metri quadrati di foresta in Costa Rica, una superficie pari a circa tre campi da calcio.
Le foreste della Costa Rica che Impatto Zero® ha scelto per l’assorbimento di CO2 derivante dalle emissioni del GreenBuilding magazine sono quelle con più alta densità di biodiversità al mondo: contengono infatti il 4% di tutte le specie viventi del pianeta anche se la superficie del Paese è pari solo allo 0,01% delle terre emerse. L’attività di deforestazione che ha devastato il territorio negli ultimi sessant’anni è stata infatti arginata e, grazie a questa inversione di tendenza, il 27% del territorio della Costa Rica è attualmente costituito da aree protette. Inoltre grazie al progetto di tutela e creazione di foreste in crescita in Costa Rica, si sono potuti riscontrare importanti risvolti sociali.
Grazie a Impatto Zero® e ai suoi partner nazionali e locali, infatti, sono stati creati progetti volti alla valorizzazione delle foreste presso le popolazioni della zona, sono state coinvolte le scuole in programmi di educazione ambientale e turismo sostenibile all’interno delle foreste e sono stati attivati i primi corsi di formazione professionale per disoccupati locali che, oltre a lavorare per gli interventi di riqualificazione, diventeranno poi guide nelle riserve.
In Costa Rica LifeGate si avvale della collaborazione del MINAE (Ministero dell’Ambiente e dell’Energia Costaricense) e del relativo Fonafifo (Fondo Nacional De Financiamiento Forestal), che operano per la conservazione ambientale, delle GEV (Guardie Ecologiche Volontarie) e di Asepaleco (Asociación Ecológica Paquera, Lepanto y Cóbano). La qualità degli interventi, coordinati e supervisionati da GEV italiane e dal Ministero dell’Ambiente del Costa Rica, è stata riconosciuta a livello internazionale con l’attribuzione di premi prestigiosi, tra i quali il premio Ford per l’Ambiente. Proprio grazie a questi partner sono stati avviati progetti per la conservazione della biodiversità, dell’equilibrio idrogeologico dell’area e per la sensibilizzazione e il coinvolgimento delle popolazioni autoctone sul valore del patrimonio forestale locale. Tutti i crediti generati dai progetti di LifeGate attivi in Costa Rica rispettano quanto previsto dal Certificado de servicios ambientales (CSA), uno strumento con il quale il governo costaricano è in grado di conservare le foreste esistenti, crearne di nuove e garantire servizi ambientali per lo sviluppo sostenibile della popolazione.
Nei primi dieci anni di vita di Impatto Zero®, con il supporto di moltissime realtà attente allo sviluppo sostenibile, LifeGate:
– ha reso a Impatto Zero® oltre 400 milioni di prodotti e più di mille aziende;
– ha compensato 160 milioni di kg di CO2, pari all’impatto medio annuo di 245.200 persone (in riferimento alle emissioni medie di una famiglia di quattro persone considerando questi consumi: 40€ a bimestre per l’elettricità, 45€ al mese per il gas, 300km al mese per persona per i mezzi pubblici);
– ha tutelato 70 milioni di metri quadrati di foreste in Italia e nei paesi in via di sviluppo, pari a 6mila campi da calcio;
– ha indicato stili di vita sostenibili e percorsi aziendali sostenibili a più di un milione di contatti.

Kerakoll Ambasciatore 2013 di Impatto Zero®
Per celebrare questa nuova fase del progetto che si apre al prossimo decennio, LifeGate ha voluto coinvolgere un gruppo ristretto di aziende particolarmente importanti sia in relazione a Impatto Zero® sia perché considerate virtuose nelle politiche di lotta ai cambiamenti climatici, motivo per cui più di dieci anni fa è nato Impatto Zero®, il primo progetto italiano a occuparsi di questi temi.
Per questo motivo LifeGate ha deciso di premiare il percorso di sostenibilità e il sostegno negli anni al progetto Impatto Zero®, conferendo a Kerakoll il merito di Ambasciatore Impatto Zero® 2013. Essere Ambasciatore Impatto Zero® vuol dire rappresentare il progetto Impatto Zero® e diffondere il messaggio di sostenibilità ambientale che questa iniziativa porta con sé, sensibilizzando i dipendenti, condividendo i risultati, incentivando altre realtà alla partecipazione.
Il progetto Ambasciatore Impatto Zero® mira a creare un sistema di coinvolgimento, con validità annuale, dei più importanti e fedeli clienti di Impatto Zero® che credono in questa iniziativa e desiderano comunicare ai propri stakeholder (clienti e fornitori) l’importanza del progetto a cui hanno aderito e gli obiettivi che hanno finora raggiunto.
Per aderire all’iniziativa Ambasciatore Impatto Zero® è necessario essere un cliente di Impatto Zero® con contratto in corso o esserlo stato per un periodo di durata importante negli ultimi cinque anni. L’impegno e l’azione di sensibilizzazione delle aziende aderenti permette loro di diventare protagoniste di un progetto con valenza internazionale che sarà comunicato alla numerosa community di LifeGate, sensibile e attenta alle tematiche della sostenibilità. Per maggiori informazioni: ambasciatore@lifegate.it.
© LifeGate – Redazione Ambiente

(Foto: © LifeGate)


Un progetto per la salvaguardia del Pianeta
Impatto Zero® è il progetto di LifeGate che ha concretizzato per la prima volta in Italia il Protocollo di Kyoto consentendo di calcolare, ridurre e compensare l’impatto di prodotti, eventi, persone e aziende sul pianeta.
Avvalendosi della collaborazione di università italiane e straniere specializzate nel Life Cycle Assessment (analisi del ciclo di vita del prodotto), Impatto Zero® quantifica le emissioni di anidride carbonica (in kg di CO2 equivalente) immesse in atmosfera da qualsiasi attività, prodotto, servizio, proponendo azioni di riduzione e individuando anche i metri quadrati di superfici verdi necessari per riassorbire le emissioni “inevitabili”. In un decennio al progetto hanno aderito eventi importanti, dai tour di Vasco Rossi e Ligabue agli incontri spirituali col Dalai Lama. I prodotti sul mercato a marchio Impatto Zero® sono più di 400 milioni, mentre sono stati creati e tutelati oltre 70 milioni di metri quadrati di foreste in Italia, Costa Rica, Madagascar, Panama e Nuova Zelanda.immagine_AMBASCIATORE_300dpi

You may like