single-image

Le architetture del Belpaese a fumetti


Un viaggio nei luoghi e negli edifici italiani simbolo di un’architettura diversa, militante, coraggiosa, visionaria.

È questo il tema principale attraverso cui si snoda il graphic novel Architetture resistenti firmato da Raul Pantaleo e Luca Molinari ed edito da Becco Giallo.
Gli stabilimenti Olivetti a Pozzuoli, il Museo dell’Olocausto nella Risiera di San Sabba a Trieste, il Parco Archeologico di Selinunte a Trapani, il Museo della Memoria a Bologna, l’Auditorium dell’Aquila. Le Architetture resistenti, come l’acqua, la terra e l’aria che respiriamo, fanno parte del nostro quotidiano e ci aiutano a vivere meglio. Sono militanti, coraggiose, visionarie, celebrano la voglia di resistere: al fascismo, alla speculazione, all’economia selvaggia, all’ingiustizia, alla devastazione dell’ambiente, alle barbarie. Rifiutano la spettacolarizzazione e la monetizzazione della realtà, la concezione degli architetti come divi dello spettacolo, la moda effimera e superficiale. Ritrovano etica e creatività, diritti e innovazione, bellezza e futuro, partecipazione e consapevolezza, l’idea di un’architettura come mezzo e non come fine, o forse solo come bene comune.

 

Architetture resistenti__copertinaArchitetture resistenti_tavola 3 Architetture resistenti_tavola 2

You may like