single-image

Lorenzo Piovella, Cityscape/Presets. Fotografie in mostra a Milano


Giovedì 3 marzo, ore 18.30, inaugura alla Fondazione Pasquinelli la mostra CITYSCAPE/PRESETS del giovane fotografo Lorenzo Piovella che si articola attraverso il confronto tra due serie fotografiche realizzate in luoghi e tempi diversi: SLICES/HIGHRISE (2012-2014) e OH GOLD! (2015), le prime fotografie riproducono gli edifici più alti della città di Milano che vengono sottoposti ad un processo di astrazione dai relativi contesti sociali; le seconde invece raffigurano modelli virtuali di costruzioni verticali.

Le due serie condividono dunque sia l’oggetto immortalato, sia le modalità di rappresentazione: tutte le immagini della mostra riguardano edifici alti contemporanei estraniati dalle rispettive realtà. In questo modo, le suggestive immagini di CITYSCAPE/PRESETS da una parte evidenziano ciò che spesso sfugge allo sguardo distratto del cittadino, ossia il linguaggio proprio degli edifici che costruiscono la città, dall’altra indagano e mettono in evidenza le relazioni che tali costruzioni intrattengono con delle immagini virtuali.

L’artista e fotografo Lorenzo Piovella, nato a Milano nel 1986, indaga sugli spazi alterati dall’intervento umano. La sua ricerca, che alterna fotografia e nuove tecnologie, crea un immaginario nel quale gli stereotipi costruttivi e spaziali che dominano gli scenari urbani sono protagonisti. Le sue immagini vivono in una dimensione nella quale il precario equilibrio fra reale e fittizio è sempre in bilico. Nella ricerca di Lorenzo Piovella il tentativo costante è quello di abbattere le linee di demarcazione, i limiti tra le esperienze spaziali e visive concrete e virtuali; e gli spazi architettonici e urbani, oggetto principale del suo lavoro, si prestano naturalmente ‐ e quasi obbligatoriamente ‐ a questa modalità di azione.

Il massivo bombardamento di materiale visivo che l’architettura vive e produce si alimenta infatti di documentazioni fotografiche di progetti realizzati alternate, spesso senza soluzione di continuità, a rendering proiettivi che spesso si confondono alle immagini reali. In questo modo la pratica architettonica si trasforma in un esercizio fluido, in cui reale e fittizio spesso coincidono.

L’attrazione dell’artista si concentra su tutti gli elementi pop, standardizzati, precostituiti e stereotipati che l’immaginario architettonico offre, nel tentativo di incanalare le sue ossessioni nella pratica di produzione di immaginari ambientali: sostanzialmente una pratica menzognera intenta a stilare un’enciclopedia del suo universo immaginifico, creando (e cercando) spazi e luoghi verosimili ma anche profondamente distaccati dal loro contesto.

You may like