single-image

Progettista di ARCHITETTURE SOSTENIBILI. La XVIII edizione del master dal 15 giugno a Roma


Il Master in Progettista di ARCHITETTURE SOSTENIBILI si concentra sul problema dell’abitare, privilegiando un approccio basato sul riuso e sulla trasformazione dell’esistente, e sperimentando una metodologia progettuale finalizzata a ridurre l’impronta ecologica (del sistema edificio-abitanti-intorno) ritornando a pensare insieme i bisogni fondamentali dell’abitare.

L’aumento della popolazione mondiale e della popolazione urbana, l’accelerazione dei cambiamenti climatici e l’evidente riduzione delle risorse disponibili, così come il pericoloso accumularsi dei rifiuti nelle nostre città, sollecitano la formazione di una nuova figura di architetto. Un progettista con solide competenze ambientali: capace di progettare con il clima, cioè di leggere le specificità di un luogo a partire dai suoi fattori ambientali e di interagire con l’insieme del contesto urbano così da ottimizzare le scelte formali e tecnologiche in funzione di una massima efficienza energetica ed ecologica del sistema abitativo.

Lo studio dell’approccio bioclimatico e dell’analisi del ciclo di vita (LCA), delle tecnologie attive e passive per l’efficienza energetica, delle energie rinnovabili e della loro modalità di integrazione nell’architettura e nel paesaggio e, ancora, di strumenti per l’analisi termo-fluidodinamica, di illuminotecnica e di gestione delle acque, e gli strumenti di certificazione energetica ed ambientale, costituiscono il corpo di competenze specifiche proposte dal Master.

Tutte le fasi del processo (dall’analisi del luogo, al rilievo fino alla definizione delle diverse soluzioni di progetto) sono realizzate in un sistema di elaborazione e modellazione parametrica basata su protocollo BIM (Building Information Modelling) affinché sia sperimentabile, da parte degli studenti l’esperienza di processo integrato ad alta efficienza, condizione fondante dei sistemi di valutazione e certificazione LEED.

Il Laboratorio di Sintesi permette di sperimentare la convergenza e l’applicazione delle conoscenze acquisite in un caso studio concreto ovvero: il recupero e la riqualificazione della borgata di Massimina a Roma, attraverso una strategia di coinvolgimento della cittadinanza.

Foto di apertura: ID_Morandi di Arianna Dall’Albero, Alessandra Orlandi e Carol Reed_tesi master

You may like