single-image

Pronto il nuovo Terminal di Heathrow a Londra, il più ecosostenibile al mondo


È terminato il nuovo Terminal 2 o “Queen’s Terminal” – dedicato alla regina – dell’aeroporto di Heathrow, a Londra, che verrà inaugurato il prossimo 4 giugno dalla regina stessa.

“Gli aeroporti sono le cattedrali del XXI secolo.” A dirlo è Luis Vidal, l’architetto progettista del terminal, già autore del nuovo Terminal 4 dell’aeroporto Barajas di Madrid, del nuovo aeroporto internazionale di Varsavia e di un’altra dozzina di progetti aeroportuali tra cui Valladolid e Saragozza. E i numeri della nuova struttura confermano la sua affermazione: 2,5 miliardi di £ di investimento, 21.000 mq di estensione per una portata totale annuale di più di 20 milioni di viaggiatori in transito.

Ma sono soprattutto i numeri sull’attenzione all’ambiente che fanno di questa nuova struttura un caso di eccellenza sostenibile: il 20% del fabbisogno energetico da fonti rinnovabili; il 40,5% in meno di emissioni di CO2 rispetto a un edificio costruito in base ai regolamenti edilizi vigenti nel 2006; 1.000 metri quadrati di pannelli fotovoltaici, caldaia a biomassa, alimentata solo da legno FSC che faranno risparmiare circa 13mila tonnellate di CO2 all’anno rispetto all’uso di gas naturale e di energia elettrica; ampia vetrata e lucernari orientati a nord per lo sfruttamento della luce naturale.

Grazie a questi accorgimenti e a un approccio sostenibile già in fase di demolizione del precedente terminal – che ha consentito il riutilizzo del 90% del calcestruzzo demolito – il “Queen’s Terminal” sarà il primo terminal aeroportuale al mondo ad aver ottenuto la qualifica di “eccellente” secondo il rigido protocollo BREEAM per la valutazione della sostenibilità degli edifici.

Il Terminal 2 è molto più di un edificio pensato per aerei e passeggeri, è una destinazione a sé, per attirare i viaggiatori al terminal prima dell’orario di partenza e trascorrere del tempo in un’atmosfera accogliente godendo degli oltre 20mila mq dedicati agli spazi di svago con servizi di qualità e strutture distribuite su due piani.

“Il Terminal 2 è stato concepito per diventare un prolungamento della città di Londra – sostiene Luis Vidal architetto a capo dello studio madrileno Luis Vidal + Architects LVA – e dovrà rimanere nella memoria del passeggero. Si tratta di una delle porte principali di accesso al Regno Unito ed è per questo che abbiamo lavorato duramente per marcarne la differenza e fare in modo che lasci un’impronta ai passeggeri che vi transiteranno e che saranno in un anno pari al doppio della popolazione di Londra.”

(Ph.: © LHR Airports Limited)

You may like