single-image

Resort in Val d’Orcia

Monteverdi Tuscany, un rifugio nato dalla passione per la conservazione di un americano amico di Obama.
di Stefania Piccioni

Immerso nel cuore storico della Val d’Orcia, una zona che è rimasta “in letargo” durante gli ultimi decenni, il borgo di Castiglioncello del Trinoro è stato trasformato da un accurato progetto di restauro che lo ha fatto risorgere come una vera e propria destinazione a sé stante. Iniziato originariamente nel 2004 con l’acquisizione di un singolare edificio in stato di semi-abbandono, il progetto ha fatto rivivere un intero villaggio dalla negligenza precedente ed è culminato con l’attesissimo Hotel Monteverdi, 3 ville finite, una cappella del XII secolo restaurata, un’informale caffetteria basata sulla filosofia “dal produttore al consumatore” e un interessante programma di eventi culturali. Il progetto è il risultato dell’amore del suo committente Michele Cioffi, un avvocato americano professore di diritto e amico del Presidente Obama, e della sua passione per la conservazione, che ha dedicato alla ricostruzione di questo borgo medievale semi-abbandonato, rispettando lo stile tradizionale e la consuetudine alla bellezza, rendendo così omaggio alla regione Toscana.
Con la collaborazione della designer per interni Ilaria Miani e di Ernesto Bartolini del DA. Studio come architetto responsabile, la struttura ha riunito artigiani del luogo, scalpellini e muratori locali, che usano abilità artistiche che vanno scomparendo e che hanno ridato una nuova vita al Monteverdi convertendolo in una “seconda casa dove rifugiarsi, per chi è alla ricerca di un tempio dedicato all’intelletto e alla cultura”. L’utilizzo di materiali autoctoni e del legno riciclato sono stati al centro della ricostruzione meticolosa e autentica di questa ex pensione. Legni locali, lastricati in pietra toscana, granito e marmo di Carrara conferiscono a tutte le camere un aspetto distinto, ma genuinamente fondato sullo spirito e sulle umili origini della Val d’Orcia. Lavorando a stretto contatto con suo marito, la romana Ilaria Miani ha trasmesso all’Hotel Monteverdi la sua impronta raffinata ed eclettica: una sensibilità che abbraccia la semplicità, gli spazi liberi, l’ottimizzazione della luce naturale e le onnipresenti viste spettacolari.
All’hotel con le sue 7 stanze gioiello dotate di comfort impareggiabili e all’adiacente piscina all’aperto con vista spettacolare sulla verde vallata sottostante, si affianca un gruppo di tre ville che combinano i comfort e i servizi del XXI secolo, pur continuando a rendere omaggio al modello storico degli edifici. Nel corso del restauro del Monteverdi Tuscany e nell’approccio regolarmente accademico, l’idea fondante era restare fedeli alle radici dell’ambiente e riconnettere il villaggio al suo passato. Un ampio scavo archeologico, ora guidato dall’Università di Siena e attualmente in corso, resta uno dei pochi scavi archeologici della Toscana sponsorizzati da privati e rappresenta un’occasione unica per gli ospiti del Monteverdi Tuscany di osservare da vicino le dinamiche di uno scavo archeologico attivo 
(monteverdituscany.com).

(Foto: © bernard touillon 2012)

 


Scheda tecnica
Architetto responsabile: Ernesto Bartolini, DA. Studio, Firenze
Designer per interni: Studio Ilaria Miani, Roma
Direzione lavori: Geom. Maurizio Lucioli
Impresa Edile: Nannini Silvio
Rivendita edile: Bai & Bai Snc, Sarteano (SI)
Coordinamento Kerakoll: Bruno Silvi, Roberto Vincioni

Interventi Kerakoll
Per l’intervento di recupero è stata utilizzata la linea completa Biocalce a base di pura calce idraulica naturale NHL a norma EN 459-1 ad altissima traspirabilità, attiva nella diluizione degli inquinanti indoor, batteriostatica e fungistatica naturale. Tutti i prodotti della linea Biocalce contengono solo materie prime di origine rigorosamente naturale e minerali riciclati ed essi stessi sono riciclabili come inerti a fine vita.
Elevazione e stilatura di paramenti murari facciavista in mattoni o pietre naturali
(Biocalce Pietra)
Sistema deumidificante e risanante naturale per le murature umide (Biocalce Rinzaffo e Biocalce Zoccolatura)
Realizzazione di intonaco e decorazione naturale
(Biocalce Rinzaffo, Biocalce Intonaco, Biocalce Intonachino Tipo “00” e Biocalce Stucco)
Stuccature per fughe di pavimentazioni naturali
(Biocalce Stucco).

Inoltre sono stati utilizzati i sistemi della linea Eco a basso impatto ambientale, riciclati e a ridotte emissioni di CO2, certificati,
eco-compatibili in accordo con il GreenBuilding Rating per:
Ripristino monolitico del calcestruzzo con malte minerali
(Kerabuild Eco R4 Tixo e Kerabuild Eco Osmocem)
Posa e finitura ecocompatibile dei pavimenti in ceramica
(H40 Eco Flex e Fugabella Eco Porcelana 0-5)
Impermeabilizzazione ad elevata adesione e durabilità di sottofondi (Nanoflex Eco).

Tutti i prodotti Kerakoll sono conformi alle norme europee EN di riferimento e sono classificati secondo il GreenBuilding Rating, l’innovativo sistema di valutazione attestato da SGS per misurare le performance di sostenibilità dei materiali da costruzione in grado di orientare la progettazione e la realizzazione di edifici ecocompatibili. Per maggiori informazioni sui prodotti e sul GreenBuilding Rating, visita il sito www.kerakoll.com.

Castiglioncello---13 Copper-Room---01 Copper-Room---04 Infinity-Pool---01 Outdoor-Veranda-of-Muri-Antichi---2 The-Hotel-at-Monteverdi-2

You may like