single-image

Smeg nel cuore di Londra

A 150 metri da Piccadilly Circus, il brand italiano si consolida nel ruolo di protagonista nel settore degli elettrodomestici e del design di qualità

La location dello store Smeg di Londra è nel cuore di Saint James a 150 metri da Piccadilly Circus, manifesto del più raffinato made in Italy. Lo spazio è un grande volume cubico che si sviluppa su tre livelli per una superficie di oltre 600 metri quadrati incastonato nei fronti sud-est del prestigioso building del Crown Estate al 14 di Regent Street. L’esposizione e quindi la luce all’interno sono fantastici anche perché le sue vetrine sono tra le più grandi di Europa. Il progetto dedicato a questo impianto architettonico richiama e rinnova lo stile definito da deepdesign per lo showroom milanese.

Greenbuilding magazine, SMEG, Store Regent-Street, Londra Ph. © Potters Instinct Photography

Gli architetti Matteo Bazzicalupo e Raffaella Mangiarotti di deepdesign – designer dei piccoli elettrodomestici Smeg – hanno curato con Edoardo Radice il progetto complessivo, architettonico e degli arredi di questo flagship internazionale di Smeg. L’architettura degli interni si ispira a una concezione minimalista resa più accogliente e calda attraverso la scelta di materiali naturali quali la pietra e il legno. La trasparenza dell’involucro consente di percepire da tutti i fronti l’importante cubatura a doppia altezza del ground floor caratterizzato architettonicamente dalla presenza del mezzanino al di sopra del grande counter centrale. Rivestimenti e arredi sono realizzati in rovere e travertino romano, i diaframmi semitrasparenti sono in listellare di legno rovere e/o vetro, un grande giardino verticale di oltre 6 metri di altezza affianca la prima vetrina verso Piccadilly. Esso restituisce e valorizza la percezione dell’altezza complessiva del ground floor. L’esposizione dei prodotti è valorizzata da moduli minimal monolitici in travertino, vetro, marmo di Carrara e legno. Le grandi vetrine su Regent e Carlton Street enfatizzano la preziosità dell’ambiente interno rarefatto e concentrano l’attenzione sull’eleganza dei prodotti esposti, veri protagonisti della scena. Esse presenteranno i prodotti più rilevanti con allestimenti sempre nuovi creati ad hoc, come ad esempio i Frigoriferi d’arte Fab28 decorati da Dolce e Gabbana, i piccoli elettrodomestici disegnati da deepdesign e sempre decorati da Dolce e Gabbana, ecc.

Greenbuilding magazine, SMEG, Store Regent-Street, Londra Ph. © Potters Instinct Photography

A tutti i livelli un bellissimo pavimento in legno industriale in massello di rovere sbiancato dà la percezione di una posa di listelli infiniti. I piani vetrina e i grandi volumi modulari espositivi e del counter in marmo travertino a poro aperto ricordano le architetture di Mies, i diaframmi in legno listellare cadenzano la salita delle scale in legno. Il mezzanino è caratterizzato da una meeting room con vetrata a tutta altezza e da un’area lounge riservata ai clienti con affaccio ad angolo su tutto lo showroom oltre che verso Regent e Carlton Street. Al basement si completa l’esposizione della maggior parte delle referenze con ambientazioni coordinate a parete e su isole in legno e Corian mentre nel theater ad arena grazie alla grande living kitchen monolitica in acciaio potranno tenersi cooking show ed eventi.

Greenbuilding magazine, SMEG, Store Regent-Street, Londra Ph. © Potters Instinct Photography

Anche l’area del counter al groundfloor rappresenta un polo importante del contesto espositivo, essa è dedicata ai prodotti tipici dell’azienda agricola casearia Montecoppe che anche con il food rafforza l’italianità del brand Smeg. Per gli ospiti sarà possibile degustare i migliori vini italiani, apprezzare in anteprima mondiale le miscele del nuovo caffè Smeg e spremute di agrumi realizzati con i piccoli elettrodomestici della nuova serie disegnata da deepdesign.

Ph. © Potters Instinct Photography

Smeg store, 14 Regent Street, Londra

Interior design: Studio deepdesign, Matteo Bazzicalupo & Raffaella Mangiarotti, in collaborazione con Edoardo Radice. Superfici Kerakoll: i pavimenti del piano terra, del primo piano, del soppalco e della scala sono in LegnoNat ExtraSmall; stesso materiale è stato utilizzato per rivestire le sedute e le scale della zona di cucina didattica nel basement.

You may like